Anche i pensionati possono accedere al credito, grazie alla possibilità prevista da alcune forme di finanziamento, tra le quali citiamo la cessione del quinto, i prestiti Inpdap, i prestiti personali, come quelli cambializzati.

Anche i pensionati sono una categoria che sta riscontrando ultimamente maggiori opportunità di accesso al credito, per quanto possano permanere situazioni di svantaggio, sulla base della mancanza di un reddito da lavoro (a volte l’importo della pensione può essere giudicato insufficiente, per stipulare un contratto di finanziamento) e dell’età (in genere, si prevedono limiti alla durata del rimborso, tali da non superare una certa età anagrafica.

Tuttavia, in situazioni ordinarie, i pensionati riescono ad accedere ai prestiti, qualora dimostrino di godere di una pensione, tramite copia del cedolino.
Alcuni prodotti, poi, sono proprio rivolti a questa categoria di persone. Basti pensare al caso della cessione del quinto della pensione, che può essere richiesto sia dai pensionati Inps che Inpdap.

Entrambi gli istituti operano trattenute sulle pensioni dei loro iscritti, fino alla quota massima di un quinto del netto. Tuttavia, la data di scadenza del rimborso non può superare il novantesimo anno di età del debitore.

L’Inpdap, in particolare, eroga ai suoi iscritti, sia lavoratori che già pensionati, alcuni tipi di prestiti, dalle condizioni di favore.
Un’altra tipologia di prestiti che ha a che fare con questa categoria, dall’età anagrafica avanzata, è il prestiti vitalizio, che consiste nell’erogazione di un finanziamento a individui di età almeno di 65 anni, con la garanzia su un immobile di proprietà. Il prestito non verrà restituito in vita dal debitore, ma dopo la sua morte si procederà alla vendita dell’immobile, a copertura del montante, comprensivo del capitale prestato e degli interessi maturati.

Infine, anche le altre categorie di finanziamenti sono accessibili ai pensionati, grazie al cedolino pensione, che attesta il godimento della pensione. Trattasi dei prestiti personali, tra cui, ad esempio, il prestito cambializzato, dove alla base della garanzia per la banca o finanziaria c’è il rilascio della cambiale, ma la precondizione per accedervi consiste nell’esibire una busta paga o un cedolino pensione.

Prestiti